Home  Dove Siamo  Contatti e Informazioni  Archivio News  Login 

Societa'

La Storia e il Mulino

I Grandi Protagonisti


Societa' & Organigramma

Informativa Trattamento Dati Personali
art. 13 UE nr. 679/2016


Dove Siamo

Contatti & Info

Coordinate Bancarie

Assicurazione FIDAL


The Athletes SVO
Fidal.it
* Atletica.me

BEST Athletes SVO


Medici Specialisti

NADO Anti-Doping
Informativa - Modulistica
FIDAL Anti-Doping


Istruttori & Referenti

Abbigliamento Sociale
Spazi & Attrezzature

Album Fotografico





I Corsi

Promozione
(Elementari/Medie)


Giovanile
(Medie/Superiori)


Assoluto

Master

Mantenimento
SERA
----------------------
Visita Medica Sportiva


Federazioni
















Medicina








Riviste










Siti Web



















Read 19 - 24 Marzo 2013 - Campionati Europei Indoor Master 2013 - San Sebastian (Spagna)

/2013/SanSebastian_19-24mar_small.jpg BARBARA Martinelli IS BACK ! ... bellissima MEDAGLIA DI BRONZO 800m W45 !

... ma anche DONATA (Bossi) e MARCO (Renda), GRANDISSIMI alla loro prima esperienza Internazionale !





BARBARA Martinelli IS BACK ! ... bellissima MEDAGLIA DI BRONZO 800m W45 !

... ma anche DONATA (Bossi) e MARCO (Renda), GRANDISSIMI alla loro prima esperienza Internazionale !



BARBARA IS BACK!

Non me ne vogliate ma il titolo di questo articolo non poteva che essere questo ... BARBARA E' TORNATA ... perchč dopo un'intero anno dall'ultima competizione (Mondiali Master Indoor - Aprile 2012) ... un'intervento chirurgico al tendine d'achille dx (Pavia - Luglio 2012) ... un calvario lungo 8 mesi per la riabilitazione post-operazione tra stampelle, rieducazione, fisoterapia, massaggi, fribolisi, piscina, bicicletta, sala pesi ... FINALMENTE la nostra Barbara e' riuscita nell'intento di ripetere una Medaglia Internazionale ... una cosa PAZZESCA ... un risultato INCREDIBILE ... perche' al 21 Febbraio 2013 (ho scritto giusto amici ... Barbara al 21 Febbraio 2013 non riusciva ancora a correre) l'ennesima ecografia dava ancora parere negativo sulla sua ripresa alla corsa (doppio strappo in via di guarigione al soleo), ma FINALMENTE ci veniva indicato il PERCHE' dei suoi continui problemi muscolari non appena appoggiava i piedi a terra per correre: " ... aderenze post-operatorie tra tendine d'achile - flessore dell'alluce - flessore delle dita ... praticamente un casino clinico ..."

Poi nella vita a volte succedono i miracoli ... succede che in un attimo tutto puo' cambiare e che esperienza, forza di volonta' e tanta determinazione, possono fare la differenza ... e allora capito il problema, ci siamo affidati all'amico e grandissimo fisioterapista MARIO (Ruggiu), che in tre sole settimane ha saputo fare il MIRACOLO ... ha saputo REGALARE a Barbara un sogno ... ha saputo regalare a Barbara ben cinque allenamenti su erba ... si cari amici, cinque miseri allenamenti su erba prima della semifinale del 21 marzo 2013 (tre in Italia e due in Spagna), che pero' sono bastati a quel mostro di nome Barbara di poter conquistare una ... BELLISSIMA ... GRANDISSIMA ... MERITATISSIMA ... MEDAGLIA DI BRONZO ... che per noi vale piu' di qualsiasi medaglia d'oro!

Quindi concedetemi di esprimere pubblicamente a MARIO (Ruggiu) una sentito ... GRAZIE di CUORE ... perche' la sua enorme esperienza, la competenza e l'incredibile bravura (nel diagnosticare il problema e successivamente nel curarlo) hanno fatto certamente la differenza!

Come un anno fa voglio iniziare la cronaca di questa settimana, 19-23 Marzo 2013 passata in terra spagnola nella bellissima citta' sull'oceano di San Sebastian, ringraziando chi ha voluto accompagnarci in questa avventura e che, con la loro compagnia, hanno saputo rendere davvero unica questa ennesima avventura sportiva, perche' i viaggi a/r in aereo da Malpensa-Madrid ... il trasferimento a/r in pulmino Madrid-SanSebastian ... la ricerca continua del parcheggio ... le colazioni all'Agriturismo Laskin-Enea ... i pranzi e le cene ai ristoranti tipici di San Sebastian ... la passeggiate nel centro, sulla spiaggia e sul monte Urubul ... la visita al bellissimo Acquario ... la foto notturna della spiaggia della Concha dal monte Igueldo ... gli allenamenti al campo di riscaldamento ... assistere alle gare nel bellissimo impianto indoor ... tutto questo non sarebbe stata la stessa cosa senza la vostra presenza, qundi un grandissimo GRAZIE per aver condiviso tutto questo con noi ...
a Marco (Renda) e Donata (Bossi) ... che quest'anno hanno voluto partecipare da ATLETI a questa esperienza Internazionale, insieme a Barbara ...
a Cristian ... che grazie alle sue fantastiche foto, ha saputo impremere indelebilmente i "dettagli" di quest'avventura e senza di esse perderemmo presto il ricordo di tutti i bei momenti passati insieme ...
a Carlotta ... che, grazie al suo Spagnolo, ci ha spesso tolto dagli impicci e che con la sua video-camera ha saputo immortalare per sempre le gare dei nostri campioni ...
a Barbara e Daniele (Venerucci) ... che ci hanno, ancora una volta, accompagnato in quest'avventura ...
a Monica (Airoldi) ... che sfidando il suo capo, ha fatto il diavolo a quattro per raggiungere il marito Marco a San Sebastian e per assistere alla finale di Barbara ...

Ma adesso cerchero' di raccontare la cronaca sportiva di questa nostra trasferta in terra spagnola, dove quest'anno Barbara veniva accompagnata anche da altri due nostri atleti, Marco e Donata, tutti iscritti alla gara degli 800 piani, dove le batterie di qualificazione erano in programma Giovedi' 21 Marzo 2013. L'atmosfera che si respirava era davvero emozionante e la tensione in volto dei nostri atleti saliva con l'avvicinarsi della gara; certamente vedere cosi' tanti atleti, provenienti da ogni nazione europea, impegnati nella fasi di riscaldamento pre-gara, aveva si il suo fascino, ma incuteva anche tanta preoccupazione e un po' di responsabilita' nel portare quella bellissima maglia con la scitta ITALIA.

Marco inizia per primo quest'avventura europea e, arrivato la sera prima, non ha avuto molto tempo per assaporare l'impianto. Ma una volta arrivata l'ora dell'inizio del riscaldamento, che l'avrebbe portato a disputare la sua prima gara Internazionale, lo vediamo visibilmente e logicamente emozionato, sopratutto dalla presenza di cosi' tanti atleti accorsi da tutta europa. In piu' di un'occasione lo abbiamo sentito dire ... ma cosa ci faccio qui? ... ma poi la voglia di competere e di indossare con orgoglio la maglia con la scritta ITALIA, hanno avuto il sopravvento: Marco termina il riscaldamento e lo accompagniamo nella Call-Room, dove leggiamo la starting-list ... seconda batteria - lane 6 ... la tensione sale e la vista del fisico del francese Abdellaoui Habib, ci fa subito capire chi vincera' la batteria (e non solo, perche' vincera' anche la finale). Comunque Marco ormai e' in gioco ... pochi minuti ed eccolo sparire dalla Call-Room e apparire nel bellissimo impianto indoor ... ITA 50335 ... viene portato dietro la riga di partenza e l'agitazione sale ma, come ci racconta lui, non e' niente al confronto di quando il giudice dice ... on yours marks ... BOOOOOOOMMMM ... eccolo partito, Marco cerca nei quattro giri che compongono la gara di tenere il gruppo ma ... un po' l'inesperienza ... un po' di giusta emozione ... un po' avversari davvero agguerriti ... fanno in modo che Marco perde terreno dai battistrada, ma poco male perche' si comporta comunque bene e conclude la sua prima esperienza Internazionale con un buon crono e in 34^ posizione ... COMPLIMENTI Marco e ... alla prossima!

Donata invece ha maturato la partecipazione a questi Campionati Europei un anno fa', dopo i Mondiali Indoor a Jyvaskyla, che ha seguito da supporter. Quindi a Settembre 2012 decide di rimettersi in gioco a 50anni e senza timore affronta gli allenamenti necessari che l'hanno portata qui a San Sebastian (la sua coach e' Barbara ... ). In effetti Donata era "apparentemente" la piu' serena del gruppo (ricordiamo le sue belle canzoncine al campo di riscaldamento ...), ma sotto sotto la sapevamo ... determinata ... agguerrita ... decisa ... a fare del suo meglio per onorare la maglia dell'Italia; infatti Donata arrivava a questi Campionati Europei gia' con un obbiettivo ... battere una certa Mari Carmen Ferreiro, ovviamente niente di personale, ma solo si era data un obbiettivo, giusto per rendere piu' appassionante la trasferta. La cronaca della sua gara comincia con un piccolo problemino all'adduttore (che si trascina dall'Italia) e procede con il canonico riscaldamento fatto insieme alla sua coach tra corsetta, esercizi ginnici, andature e qualche allungo ... l'adrenalina sale ... l'adduttore tiene ... la tensione si fa palpabile e come spesso accade il tempo vola ed eccola allora schizzare alla Call-Room dove leggiamo la sua starting-list ... seconda batteria - lane 4 ... insieme all'avversaria Mari Carmen Ferreiro ... bene, molto bene ... s'infila le scarpette chiodate e, accompagnata dal giudice, la vediamo apparire nell'impianto indoor, dove viene schierata dietro la riga di partenza ... il tempo di sentire ... on yours marks ... ed ecco il canonico ... BOOOOOOOMMMM ... Donata parte decisa e anche per lei i quattro giri che compongono la sua gara saranno ricordati con un misto felicita' e fatica ... buon passo all'inizio, un po' meno brillante verso la fine dove la fatica si fa sentire, ma la posizione non conta ... il tempo finale non conta ... non conta neanche l'aver tagliato il traguardo prima dell'avversaria (ormai amica) Mari Carmen Ferreiro ... quello che conta e che restera' indelebile nel tempo e' l'enorme soddisfazione di aver realizzato un sogno ... rimettersi in gioco a 50anni e di aver fortemente voluto partecipare a questi Campionati Europei ... un sogno che e' diventato una bellissima realta' ... COMPLIMENTI Donata e ... alla prossima!

Certo che se Barbara avesse potuto affrontare questi campionati con almeno un mese di preparazione, adesso saremmo qui a raccontare un'altra storia; penso che da quest'avventura Barbara ne sia uscita piu' forte di prima con la consapevolezza della sua forza e la tranquillita' di poter affrontare piu' serenamente il suo futuro agonistico ... un futuro agonistico che passera' per i Campionati Italiani Outdoor di Orvieto (Giugno 2013), fino ad arrivare all'appuntamento Internazionale clou della stagione ... i World Master Games di Torino (Agosto 2013), dove Barbara mi ha gia' detto che ... rivoglio la MIA medaglia d'oro!

La cronaca delle due gare disputate:

- la semifinale di Giovedi' 21 Marzo viene affrontata con tutta l'esperienza di cui Barbara dispone (anche perche' non ha molto altro) .... riscaldamento tranquillo, entra nella Call-Room, qualche sguardo alle avversarie di sempre, infila le scarpe super-leggere (non se la sente di mettere le chiodate) ed eccola uscire nel palazzetto indoor con la giusta miscela di agitazione e adrenalina, dove si allinea sulla riga di partenza ed e' subito ... BOOOOOOOMMMM ... Barbara parte tranquilla e si accoda alla testa della gara in posizione di controllo ... 1^ ... 2^ ... 3^ giro ... passano abbastanza tranquilli poi, prima l'olandese e poi l'irlandese, cercano di piazzare la zampata, ma Barbara controlla bene e verso gli ultimi 150m se ne va in una bellissima progressione che lascia tutte le avversarie sul posto e conclude la sua prova al primo posto controllando visibilmente le avversarie sul rettilineo finale ... brava Barbara sei in FINALE!

- la finale di Venerdi' 22 Marzo purtroppo inizia con la tragica notizia della morte del GRANDE Pietro MENNEA e questo porta tanto dolore per chi, come noi, e' vissuto e si e' avvicinato all'atletica nel suo mito ... per chi come Barbara ha avuto il piacere di averlo come compagno/tutor dall'allenamento in uno dei tanti raduni della Nazionale Italina a Formia (QUI la foto di Barbara con Pietro) ... purtroppo perdiamo un campione vero, dentro e fuori dall'Atletica, stroncato da un male incurabile che non guarda in faccia a nessuno ... la scomparsa di Pietro MENNEA lascera' un profondo vuoto nell'Atletica Italiana ... BUON VIAGGIO PIETRO!
Le fasi del riscaldamento sono pressoche' uguali al giorno prima, ma la tensione da gara si comincia a far sentire ... cerchiamo di cercare con lo sguardo le avversarie che, vista la seconda semifinale del giorno prima, sappiamo essere la tedesca Lauterbach e la spagnola Perez ... si entra nella Call-Room dove l'aria si fa pesante ... le avversarie si studiano ... Barbara si attacca il numero al petto con un piccolo nastrino nero, in segno di lutto per la scomparsa dell'amico Pietro ... ci si infila le chiodate (non Barbara che decide di correre ancora con le super-leggere) e, dopo l'ultimo in bocca al lupo, eccola sparire per entrare nel palazzetto indoor e schierarsi dietro la riga di partenza ... alcuni attimi ed e' subito ... on yours marks ... BOOOOOOOMMMM ... Barbara affronta i primi 600m abbastanza tranquilla, anche se la corsa gia' dopo i primi 400m non e' piu' fluida come in semifinale ... tedesca, spagnola come da pronostico, ma anche irlandese e francese, sono le compagne di Barbara ... ma ecco arrivare l'ultimo giro, gli ultimi 200m ... Barbara tiene ancora, ma con sempre piu' difficolta' ... verso i 150m tenta un attacco alla tedesca Lauterbach, ma esternamente la spagnola Perez passa decisa e chiude Barbara quel tanto che basta per farle perdere passo e concentrazione ... Barbara tenta di reagire ma ormai anche la tedesca si stacca ... il serbatoio e' vuoto e allora desiste e si accontenta di mantenere la terza posizione ... una bellissima terza posizione che al traguardo gli vale una GRANDE MEDAGLIA DI BRONZO! ... GRANDISSIMA BARBARA!

E' certo che la semifinale del giorno prima ha certamente lasciato il segno nelle gambe della nostra Barbara ... troppo pochi allenamenti alle spalle e troppi problemi fisici negli ultimi mesi per arrivare qui con "almeno una sufficiente condizione fisica" ... credetemi non si poteva proprio chiedere di piu' alla Gazzella di San Vittore Olona ... io penso che abbia dato molto di piu' di quello che poteva e forse per questo motivo la medaglia di BRONZO vale piu' dell'Oro di Jyvaskyla ... ci ha ancora una volta dimostrato la grandissima carica agonistica e la volonta' che la contraddistinguono ... ci ha dimostrato (sopratutto alle avversarie di sempre) che anche in non perfette condizioni fisiche (direi nulle) si deve scendere in campo, mettersi in gioco e portare con orgoglio sulle spalle la scritta ITALIA ... per tutto questo alla MIA BARBARA dico ... GRAZIE BABY per l'ennesima emozione che mi hai regalato ... GRAZIE BABY per esserti fidato di me, perche' al 24 gennaio 2013 un mio sms a Barbara recitava ... "Non mi arrendo, non lo faro' mai, possiamo farcela ... te lo prometto, ma dammi una mano e credi nell'ennesimo miracolo ... TI AMO " ...... e MIRACOLO E' STATO !









Postato Lunedi 25 Marzo 2013 - 14:39

Commenti | Aggiungi commento | Stampa

Appuntamenti

Risultati Gare SVO 2011







Calendari GARE & Siti Web
Provinciali & Regionali
-----------------------
Archivio Gare SVO
2020 - 2019 - Anni Passati
-----------------------
Articoli di Giornale SVO
2020 - 2019 - Anni Passati
-----------------------
Archivio News SVO
2020 - 2019 - Anni Passati


Attivita'

RECORD Sociali SVO

Assoluti Maschili
Indoor - Outdoor - Best10
Assoluti Femminili
Indoor - Outdoor - Best10
Giovanili Indoor/Outdoor
Maschili & Femminili
Master Indoor/Outdoor
Femminili - Maschili
-----------------------
FIDAL Graduatorie
SVO - Lombarde - Nazionali
-----------------------
FIDAL Minimi 2020
Assoluti Indoor - Outdoor
Cadetti Outdoor
-----------------------
FIDAL Primati Italiani
Indoor & Outdoor & Master
-----------------------
FIDAL Graduatorie & Liste
Italiane & Mondiali
-----------------------
TABELLE di Punteggio
IAAF [scoring tables]
FIDAL Sito Web
-----------------------
MASTER Record
Italiani * Europei * Mondiali

MASTER Graduatorie
Italiane Indoor & Outdoor
MASTER
Age-Graded Calculator


Supporters




Suppliers






 Home  Dove Siamo  Contatti e Informazioni  Archivio News  Login