none_Storia_del_Pentacolo




Il Pentacolo

La maglia indossata dagli atleti dell'Unione Sportiva San Vittore Olona e' di colore rosso con una stella gialla, a cinque punte. Il giallo ed il rosso sono i colori adottati dalla comunita' di San Vittore Olona e ricordano quelli della bandiera spagnola. Fu durante la dominazione spagnola che le terre comunali furono infeudatate nel 1652 dal conte Vincenzo Ciceri ed e' in quell'occasione che il borgo sanvittorese fu indicato, per la prima volta, come terra staccata dalla vicina Cerro.

La stella a cinque punte, il Pentacolo, e' un simbolo precristiano legato al culto della natura e le religioni antiche erano basate sull'ordine divino della natura. La Dea Venere e il pianeta Venere erano una cosa sola ed erano identici. La Dea aveva un posto nel cielo notturno, ed era nota con vari nomi: Venere, la Stella dell'Est, Ishtar, Astarte, tutti possenti concetti femminili legati alla natura e alla Madre Terra. Il pianeta Venere tracciava un pentacolo perfetto sull'eclittica ogni otto anni.

Gli antichi che avevano osservato quel fenomeno erano rimasti talmente stupiti che Venere, e il suo Pentacolo, diventarono i simboli della perfezione e della bellezza. Come contributo alla magia di Venere, i greci ricorsero al suo ciclo di otto anni per organizzare i Giochi Olimpici. Oggi pochi sanno che la ricorrenza, ogni quattro anni, delle moderne Olimpiadi segue un mezzo ciclo di Venere. La stella a cinque punte stava per diventare il simbolo ufficiale delle Olimpiadi ma fu scartato all'ultimo momento. Le cinque punte furono trasformate in anelli, che s'incrociano, per esprimere meglio lo spirito olimpico di globalita' e armonia.




Articolo tratto da: Atletica SVO - San Vittore Olona - http://www.sportsvo.it/atletica/
URL di riferimento: http://www.sportsvo.it/atletica//index.php?mod=none_Storia_del_Pentacolo